Newsletter

La Newsletter di Lexambiente
Notizie sugli aggiornamenti del sito
QUI

Edizione 2013

Edizione 2013 Aggiornata

informazioni

Il sito è online dal marzo 1998
Pagine visitate
da maggio 2003:
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi11336
mod_vvisit_counterIeri63735
mod_vvisit_counterQuesta settimana354072
mod_vvisit_counterQuesto mese822196

Ci sono: 223 visitatori, 437 bots online
Il tuo IP: 54.226.225.215
 , 
Oggi:23-Ago-2014

10761 documenti in banca dati

Acque - Cassazione Penale
dai CEAG

Cass. Sez. III sent.18226 del 17 maggio 2005
Pres. Zumbo Est. Postiglione imp. Di Stefano

Lo scarico di una lavanderia industriale a servizio di una casa di riposo non è assimilabile a quello di acque reflue domestiche e necessita di specifica ed espressa autorizzazione.

Nuova pagina 1

Fatto e diritto

Di Stefano Carmelo, presidente di una Casa di ripo­so, è stato ritenuto responsabile del reato di sca­rico abusivo di acque reflue provenienti da una lavanderia di tipo industriale, sito nella predetta casa, in violazione dell'art. 59, 1° comma D.L.vo 152/99, come accertato il 21.12.2001 e condannato dal Tribunale di Catania, Sezione Distaccata di Mascalucia in data 31.1.2003 alla pena di euro 5000 di multa.

Il Tribunale teneva conto della carenza di autoriz­zazione, della testimonianza dei NAS e delle speci­fiche circostanze di fatto risultanti del sopral­luogo (trattavasi di lavanderia nuova, di recente attivazione, sita al secondo piano dell'edificio, come emergeva anche da una planimetria). L'imputato ha proposto ricorso per Cassazione, de­ducendo violazione di legge ed erronea motivazione in ordine a due circostanze di fatto (la natura ci­vile e non industriale delle acque reflue e la pre­esistenza dello scarico, denunciato a suo tempo al­la P.A.).

Il ricorso è infondato.

Lo scarico da una lavande­ria di tipo industriale a servizio di una casa di Riposo - come nel caso in esame - è soggetto all'obbligo penalmente sanzionato ex art. 59, 1° comma D.L.vo 152/99 di preventiva autorizzazione, non potendo essere assimilato ad un ordinario scarico di acque reflue domestiche, considerata la natura dell'attività da cui proviene (Confronta Cass. Sez. III, 13.9.2004, n. 35870 rv. 229012).

Esiste sul punto corretta motivazione. I giudici di merito hanno ritenuto in punto di fatto che trattavasi di una lavanderia sita al secondo piano dell'edificio, di recente attivazione e non di lavanderia preesistente (circostanza peraltro giuridi­camente irrilevante, in quanto la legge esige l'autorizzazione per tutti gli scarichi di acque reflue industriali in senso fisico, quale sia stata l'epoca di attivazione).

Per gli scarichi di acque reflue industriali è sem­pre necessaria l'autorizzazione espressa e specifi­ca, ossia un controllo preventivo formale ed espli­cito della P.A. competente.

 
In libreria

Edizione 2014

informazioni

Novità dal Forum
Richiesta sentenze e leggi

Se non hai trovato nella sezione "Cerca nel sito" un testo di legge o una sentenza scrivi a Lexambiente. 
Lo riceverai gratuitamente via posta elettronica.
Quanto da te richiesto verrà poi inserito nell'archivio a disposizione di tutti gli utenti.

Leggi le istruzioni qui
Twitter Image
Feed RSS

Vuoi ricevere le ultime notizie pubblicate da Lexambiente direttamente sul tuo computer ?

Utilizza i Feed RSS! Per ulteriori informazioni clicca qui

Lexambiente nel mondo

Dubai (UAE) Police Academy vedi

La IOWA University (USA)
a Roma e Tivoli vedi

Keisuke Tsurumi Giappone (Università di Tokio) vedi

Prof. Hector Jorge Bibiloni (Univ. Buenos Aires) vedi